Al via i corsi di aggiornamento per gli addetti antincendio

Al via i corsi di aggiornamento per gli addetti antincendio

L’articolo 37, comma 9, del D. Lgs. n. 81/2008 fornisce le indicazioni circa la formazione che devono ricevere i lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi, lotta antincendio ed evacuazione dei luoghi di lavoro:

“I lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza devono ricevere un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico.”

In attesa dell’emanazione di puntuali disposizioni normative che regolamentino l’aggiornamento periodico, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile ha emanato una propria Lettera Circolare nella quale sono stati definiti i programmi, i contenuti e la durata dei corsi medesimi distinguendoli per tipologia di rischio. La circolare divide l’aggiornamento in tre diversi livelli di rischio (basso, medio, alto) in coerenza con quanto previsto dal D.M. 10/03/1998.

CORSO A: aggiornamento addetto antincendio in attività a rischio di incendio BASSO

durata: 2 ore
argomento: presa visione del registro antincendio e istruzioni sull’uso degli estintori (dimostrazione pratica o avvalendosi di sussidi audiovisivi)

CORSO B: aggiornamento addetto antincendio in attività a rischio di incendio MEDIO

Parte teorica: 2 ore
argomento: l’incendio e la prevenzione; protezione antincendio e procedure da adottare;

Parte pratica: 3 ore
presa visione del registro antincendio; esercitazione sull’uso di estintori, naspi e idranti.

CORSO C: aggiornamento addetto antincendio in attività a rischio di incendio ALTO

Parte teorica: 5 ore
argomento: l’incendio e la prevenzione; protezione antincendio e procedure da adottare;

Parte pratica: 3 ore
presa visione del registro antincendio; chiarimento sull’uso dei DPI; esercitazione sull’uso di estintori, naspi e idranti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *