Classificazione etichettatura e imballaggio prodotti chimici

Nuove regole per la classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze pericolose

Al via le nuove regole per la classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze e delle miscele pericolose a tutela della salute di persone e ambiente. Le misure sono state introdotte dal Regolamento europeo n. 1272/2008/Ce, denominato Clp (Classification, Labelling and Packaging): entrato in vigore il 20 gennaio 2009, abrogherà le direttive 67/548/Cee (Dsp: Direttiva sulle sostanze pericolose) e 1999/45/Ce (Dpp: Direttiva sui preparati pericolosi) e sarà pienamente attuativo a partire dal 1 giugno 2015, al termine di un periodo di transizione durante il quale sono applicabili sia il vecchio sistema che il nuovo.

Un sistema armonizzato per tutta la Comunità europea

Il Regolamento Clp consente l’applicazione all’interno della Comunità europea del Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche, denominato Ghs (Globally harmonised system), sviluppato dall’Onu. Obiettivo del Regolamento è garantire un elevato livello di protezione della salute umana e dell’ambiente e di determinare quali proprietà di una sostanza o di una miscela permettano di classificarla come pericolosa, affinché i rischi che essa comporta possano essere adeguatamente identificati e resi noti. Inoltre ha lo scopo di assicurare la protezione degli animali, riducendo al minimo gli esperimenti condotti su di essi. Una breve sintesi ed esemplificazione del Regolamento Clp sono stati pubblicati dall’Inail nell’area “Conoscere il rischio”: nelle pagine web vengono, così, illustrati i contenuti del regolamento Clp, le scadenze, le principali regole per la classificazione, etichettatura ed imballaggio e i nuovi pittogrammi. Nella sezione viene anche fatto cenno alle nuove schede di sicurezza, recentemente modificate dal Regolamento Ue 453/2010.

Nuovi simboli per indicare il pericolo

Novità significative riguardano l’etichettatura: il simbolo di pericolo della precedente normativa europea – un quadrato arancione con il simbolo corrispondente al pericolo in nero – è sostituito dal pittogramma, un rombo (quadrato poggiante su una punta) con bordo rosso e simbolo nero su sfondo bianco. Sono, poi, stati introdotti due pittogrammi del tutto nuovi: quello con la persona danneggiata – che caratterizza i prodotti sensibilizzanti, mutageni, cancerogeni, tossici per la riproduzione, tossici sugli organi bersaglio per esposizione singola e ripetuta o pericolosi in caso di aspirazione – e il pittogramma con il punto esclamativo che sostituisce la croce di Sant’Andrea per i nocivi, gli irritanti e Stot se (Specific Target Organ Toxicity Single Exposure, tossicità specifica per organi bersaglio esposizione singola).

Anche nuove frasi di rischio

Le frasi di rischio R sono sostituite dalle indicazioni di pericolo, Hazard statements, indicate con la lettera H seguita da numeri a tre cifre e le frasi di sicurezza S sono sostituite dai consigli di prudenza, Precautionary Statements, rappresentati dalla lettera P e da un codice a tre cifre (suddivisi in quattro tipologie: prevenzione, reazione, conservazione e smaltimento).

Cambia anche la terminologia utilizzata

Il Clp, infatti, fa riferimento a miscele invece che a preparati, a classi di pericolo anziché a categorie di pericolo e le classi di pericolo sono a loro volta suddivisibili in categorie che specificano la gravità del pericolo.

fonte: INAIL

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *