valutazione dei rischi

La valutazione dei rischi, prevista dal D.Lgs. 81/2008 ed elencata al primo posto tra le misure generali di tutela di cui all’art. 15, rappresenta un processo fondamentale che deve coinvolgere possibilmente tutti i soggetti incaricati della gestione della salute e sicurezza dei lavoratori dell’azienda. Il Datore di Lavoro è il soggetto principale attore al quale fa capo la responsabilità non delegabile di effettuare la valutazione e redigere la relativa documentazione, al quale seguono il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Medico competente, coinvolgendo il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza.
La valutazione dei rischi deve essere resa concreta, condivisibile e misurabile attraverso la redazione del Documento di Valutazione dei Rischi (art. 28). Il processo di valutazione dei rischi e la relativa documentazione deve considerare i seguenti aspetti:

  • rischi di esposizione a rumore
  • rischi di esposizione a vibrazioni meccaniche
  • rischi di stress lavoro-correlato
  • rischio chimico, biologico, cancerogeno
  • rischio elettrico
  • rischi di incendio ed esplosione, prevenzione incendi
  • organizzazione del pronto soccorso aziendale
  • rischi di movimentazione manuale di carichi e movimenti ripetitivi
  • rischi di radiazioni ionizzanti, non ionizzanti, radiazioni ottiche
  • rischi relativi a illuminazione e condizioni microclimatiche degli ambienti di lavoro
  • valutazione ergonomica delle postazioni di lavoro
  • valutazione dei rischi da interferenze (DUVRI) nei confronti di appaltatori esterni o lavoratori autonomi

Tempi di elaborazione ed aggiornamento

L’elaborazione o l’aggiornamento della valutazione dei rischi è richiesta:

  • entro 90 giorni dalla data inizio attività per le imprese di nuova costituzione
  • entro 30 giorni dalla modifica delle condizioni lavorative per le imprese già attive

Contenuti del documento

E’ importante aver chiaro che il documento di valutazione non deve limitarsi alla sola individuazione e valutazione dei rischi, ma deve contenere l’indicazione delle misure di protezione e protezione da adottare, nonché l’indicazione delle figure aziendali con adeguate competenze e poteri incaricate della loro concreta attuazione. Il documento di valutazione dei rischi in definitiva deve descrivere i ruoli delle risorse aziendali e comprendere un sistema di gestione della sicurezza.